Democrazia geneticamente modificata


Politica.  Dal greco πόλις , polis (città). Arte di governare gli stati, amministrazione della cosa pubblica.

Eppure questa cosa pubblica non vive, in questi anni, molto pacificamente.democrazia

25% di astensionismo nelle ultime elezioni politiche del 2013: una sorta di atto vendicativo nei confronti della tanto amata e della tanto odiata cosa pubblica.

Fallimento democratico , come vediamo dai dati pubblicati, che non porta solo la firma italiana, ma anche quella europea.  Il non sentirsi rappresentato, lo scredito della politica, la mancata fiducia proveniente dalla  non concretezza dei programmi elettorali promessi durante la campagna elettorale: con questo la nuova derivazione etimologica della parola: ”politica” si allontana dalla derivazione originaria per assumere il significato di odio. L’odiare, il detestare la politica.

(Sogno di mille ed una notte europeo – Articolo)

Questo è il risultato di una politica avente una democrazia malata. Malattia curabile solamente con una buona dose di partecipazione della collettività alla “cosa pubblica”.

Partecipazione che, in contemporanea, è sinonimo di responsabilità.

La chiave di volta può essere rappresentata benissimo da Internet, dove quest’ultimo può rendersi protagonista di un’arena pubblica digitale dove si sprona una discussione su svariate tematiche politiche.

Arena pubblica digitale che può essere costruita a livello locale, ma anche a livello nazionale affrancando o collaborando con l’attuale modo di far politica. Arena pubblica digitale che può trasformare la parola odio in interesse dando maggior diritto di parola a tutti. Strumento che deve essere ovviamente regolamentato e limitato su certi temi per non trasformare un obiettivo e un sogno democratico in un incubo 2.0.

(Anestesia digitale: l’ABC della tecnologia-Articolo)

Un esempio di democrazia 2.0 proviene dalla Svizzera ed in particolar modo dalla proposta dell’esecutivo, il quale ha deciso di introdurre su scala nazionale il voto elettronico dopo dieci anni di sperimentazione a livello locale. Ovviamente il cosiddetto  “digital divide” (ossia il divario presente tra chi possiede i mezzi moderni di comunicazione e chi ne è escluso totalmente o parzialmente) lo si può considerare un ostacolo superabile con la costruzione di infrastrutture di base combattendo,  in contemporanea, l’analfabetismo digitale con maggior informazione e sensibilizzazione. LIBERT1

Gli eventuali e probabili rischi di falle informatiche sono probabilmente superabili da sistemi di crittografia avanzati(tuttora utilizzati negli U.S.A. o tramite il metodo australiano dei codice a barre per il collegamento al sistema, passando per la carta d’identità digitale estone)  e mezzi indipendenti, atti a verificare la totale correttezza, come ci dimostra l’esempio di Ginevra. I partititi minori europei invece ci insegnano e ci indicano la strada della cosiddetta “democrazia liquida” dove ognuno può cedere, in libero arbitrio, il diritto di voto delegandolo ad altri su certe tematiche creando dei “super votanti” aventi la delega di rappresentare più cittadini.

Super votanti che hanno il compito di stabilizzare il sistema di voto combattendo un’eventuale stagnazione, dato l’elevato numeri degli aventi al diritto.vota L’altra faccia della medaglia però comporta il rischio di concentrare una buona dose di potere in poche persone, rappresentando più cittadini  in poche mani.

Rischi, probabilmente, ancora tutti da calcolare, ma è corretto pensare a sistemi dediti ad evitarli, ovviando certe problematiche.

Democrazia 2.0 ,ancora tutta da costruire, o Incubo 2.0? La parola ai posteri.ted

Qui il collegamento alla conferenza Ted dedita alla Democrazia 2.0

Qual è la vostra opinione?

Esprimetela tramite questo sondaggio.

Licenza Creative Commons

Articolo pubblicato con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Annunci

3 pensieri su “Democrazia geneticamente modificata

  1. Pingback: Sondaggio n°1 | Frammenti di Utopia

  2. Pingback: Anestesia digitale: l’ ABC della tecnologia | Frammenti di Utopia

  3. Pingback: Sogno di mille ed una notte europeo | Frammenti di Utopia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...