Metamorfosi scolasticamente kafkiana


Considerate la vostra semenza; 

fatti non foste a viver come bruti,

ma per seguir virtute e canoscenza. 

Dante Alighieri,

Divina Commedia Ulisse Canto XXVI Inferno v118-119-120.

Un vero inno all’importanza del proprio bagaglio personale di conoscenza.

Scuola.

Termine derivante dalla parola latina schola, derivante a sua volta dal greco antico σχολεῖον (scholèion).

Quest’ultimo termine  significava inizialmente “tempo libero” oppure precisando meglio il luogo in cui veniva speso il tempo libero, cioè il luogo in cui si tenevano discussioni filosofiche o scientifiche, fino a descrivere il luogo d’istruzione per eccellenza.

In una società completamente razionale, i migliori di noi dovrebbero aspirare a diventare insegnanti e il resto di noi dovrebbe adattarsi a qualcosa di meno, perché il trasmettere la civiltà da una generazione a quella successiva dovrebbe essere l’onore più alto e la più alta responsabilità che chiunque possa mai avere.
Lee Iacocca

Scuola oramai snaturata dalla sua funzione originaria, tant’è che il luogo d’istruzione per eccellenza è divenuto un’ eterna diatriba politico-scolastica.

Scuola che deve ridiventare una palestra, non ponendosi come unico leitmotiv la preparazione di future professionalità, colletti bianchi e blu in primis, ma soprattutto per formare futuri cittadini ed esseri umani liberi.

Esseri umani non si nasce, si diventa.

Homo sum: humani nihil a me alienum puto

(Sono un uomo: tutto ciò che è umano, non lo ritengo a me estraneo)

Terenzio

Una palestra di formazione che renda complementare la formazione umanistica, quest’ultima proiettata alla riflessione interiore, alla vera conoscenza di sé, all’essenza stessa di umanità e quindi all’humanitas, con quella scientifica, fondamentale per lo sviluppo del ragionamento e del pensiero logico-razionale.

Complementarietà a dir poco doverosa dato che, parafrasando Gianni Rodari, la mente è una sola,ma la sua creatività va coltivata in tutte le direzioni.

Forse l’inconsistenza non è nelle immagini o nel linguaggio soltanto: è nel mondo. La peste colpisce anche la vita delle persone e la storia delle nazioni, rende tutte le storie informi, casuali, confuse, senza principio né fine. Il mio disagio è per la perdita di forma che constato nella vita, e a cui cerco d’opporre l’unica difesa che riesco a concepire: un’idea della letteratura.

Italo Calvino

Una scuola che alleni i futuri cittadini alle principali finalità del’uomo, quali la crescita culturale, lo studio, la ricerca e il progresso.

Un’educazione liberale in grado di formare futuri cittadini colti e riflessivi.

L’amore per la conoscenza riecheggia  nei nostri cuori e nutre la grandezza dei pensieri .

Socrate

Un concetto romantico di scuola, doverosamente laica, che formi esseri umani liberi e che sappia unire la formazione scientifica, protagonista del progresso tecno-scientifico e del ragionamento – pensiero razionale, e quella umanistica. Quest’ultima promotrice dello sviluppo umano, della civilizzazione dell’animo umano, dell’humanitas in modo tale che l’appellativo essere umano sia degno di ogni individuo.

Università di Yale

Rendere complementare il progresso tecno-scientifico, dato che parafrasando Nikola Tesla la scienza ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell’umanità, ed il progresso morale- umano; il tutto volto al miglioramento della qualità di vita della collettività, sia materialmente che umanamente parlando.

(Studiare filosofia alle elementari aiuta i bimbi in italiano e matematica- Corriere della Sera)

(Meno test, più creatività: la ricetta di Sir Robinson per una Buona Scuola -Corriere della Sera)

La tecnologia è il strumento,l’economia è il mezzo;l’obiettivo è cambiare il cuore e l’anima.

Frammenti di Utopia

(Anestesia digitale:l’ABC della tecnologia – Articolo)

Una scuola che sappia che il primo successo è il fallimento, che accantoni e dimentichi la cultura della paura del rischio e che sostituisca quest’ultima con il coraggio di sognare.

Una scuola che sappia sperimentare nuovi metodi, dato che gli esseri umani liberi sono benissimo a conoscenza che ci sono migliaia di economie differenti, di forme di efficienza differenti, di lavori differenti, di produzioni differenti e di valori differenti.

Ad andare oltre l’utilità, ad andare oltre la necessità di trovare un lavoro, di produrre, di essere efficiente a tutti i costi, in quanto conseguenze legate intrinsecamente alla libertà stessa.

La conoscenza del prossimo ha questo di speciale: passa necessariamente attraverso la conoscenza di se stesso.

Italo Calvino

Nuovi metodi che devono essere sperimentati al più presto dato l’allarmante analfabetismo funzionale italiano,con il quale si fa riferimento all’incapacità di un individuo di usare in modo efficiente le abilità di lettura, scrittura e calcolo nelle situazioni della vita quotidiana.

Dati provenienti dalle stime Human Development Report; indice di analfabetismo funzionale utilizzato come una delle variabili per calcolare l’Human Poverty Index nei Paesi sviluppati.

Un Paese che distrugge la sua scuola non lo fa mai solo per soldi, perché le risorse mancano, o i costi sono eccessivi. Un Paese che demolisce l’istruzione è già governato da quelli che dalla diffusione del sapere hanno solo da perdere.

Italo Calvino

Nuovi metodi che possono essere interpretati come l’esperimento politico-scolastico danese dell’ Ørestad Gymnasium con una scuola senza aule ossia quando lo spazio e l’edilizia scolastica insegnano che la scuola non deve essere più associata all’aula.

(Scuole Innovative Ørestad Gymnasium Copenhagen, Danimarca – Indire Miur)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nuove metodologie che hanno portato la Svezia a sperimentare la scuola senza aule né orari rigidi.

(In Svezia la scuola senza aule né orari Istituti Vittra- Wired)

Un tempo non era permesso a nessuno di pensare liberamente. Ora sarebbe permesso ma nessuno ne è più capace. Ora la gente vuole pensare ciò che si suppone debba pensare. E questo lo considera libertà.

Oswald Spengler

Un percorso di educazione e di formazione che educhi all’uguaglianza di genere, combattendo gli stereotipi (Requiem Shakespearemente Umano- Articolo), che permetta anche una certa personalizzazione dell’orario scolastico e curriculum degli studi, come avviene in certi Paesi del Nord Europa.

Un’autonomia scolastica che non sia un far west didattico bensì una partecipazione orizzontalmente collettiva per il funzionamento dell’impianto scolastico e non gerarchicamente verticale.

(La buona scuola? Quella senza voti – Ansa)

Una scuola che sperimenti nuove metodologie nell’insegnamento che facciano rima con il web.

L’istruzione è l’arma più potente per cambiare il mondo.

Nelson Mandela

Simbiosi scuola-web che porta l’esempio e l’esperienza dei MOOC,corsi aperti disponibili in rete, pensati per una formazione a distanza che coinvolga un elevato numero di studenti. Ideati all’Athabasca University e portati avanti dalla Stanford University, dove quest’ultima,per esempio, ha erogato gratuitamente un corso post laurea di intelligenza artificiale al quale si sono iscritti circa 160.000 studenti provenienti da 190 paesi in tutto il Mondo.

(MOOC- L’acronimo dimenticato nella riforma del sistema educativo – lavoce.info)

(Università, i Mooc crescono anche in Italia. Ma il divario con l’Ue resta ampio- Il Fatto Quotidiano)

Mooc (Massive Open Online Coursesdove l’open source si coniuga con il To Be Free To Learn  da Boccaccio alle nozioni informatiche, dalle materie scientifiche alla Logica di Aristotele.

L’uomo che ha più vissuto non è già quello che ha potuto contare un più gran numero d’anni, ma colui che ha sentito di più la vita.

Jean-Jacques Rousseau

Diverse metodologie hanno portato a sperimentare il cosiddetto service learning, che combina una formale attività di istruzione con l’impegno studentesco nella società civile oppure la sostituzione dei voti numerici, contrappasso scolastico per eccellenza, con delle lettere con descrizioni valutative annesse, per una valutazione  più approfondita che metta al centro la persona con un metodo cooperativo e non competitivo.

Certi libri costituiscono un tesoro, un fondamento; letti una volta, vi serviranno per il resto della vita. 

Ezra Pound

(Una scuola senza voti? In Italia esiste già – Fonte: Vita.it)

Una scuola montessoriana che sia legata al territorio, ma che sappia formare futuri cittadini cosmopoliti (Per un Unione di Entanglement Internazionalista dei Popoli – Articolo Frammenti di Utopia), un concetto romantico di scuola che abbia il significato metaforico di un caffè filosofico-umanistico e scientifico.

(Ecco cos’è il metodo educativo Montessori – Educatori digitali)

(Montessori, 10 principi per educare i bambini alla libertànostrofiglio.it)

(Il metodo Montessori, successo globale che la scuola italiana ha dimenticato-Corriere della Sera)

Non scholae, sed vitae discimus.

(Non impariamo per la scuola, ma per la vita)

Seneca

Un luogo di eccellenza dell’istruzione che non abbia come metodologia di apprendimento la trasmissione di saperi preconfezionati.

Anti-preconfezionamento che richiede un nuovo ruolo di insegnamento da propagatore e divulgatore di saperi ad allenatore di conoscenze.

L’educazione è il momento che decide se noi amiamo abbastanza il mondo da assumercene la responsabilità e salvarlo così dalla rovina, che è inevitabile senza il rinnovamento, senza l’arrivo di esseri nuovi, di giovani.

Hannah Arendt

14333771_1083740088328232_1922391029032506810_n.jpgAnti-preconfezionamento come medicina per un nuovo umanesimo, per mettere di nuovo al centro della questione didattica l’essere umano e quindi conoscenze perpetuate tramite l’ Inquiry Learning ossia su  processi di apprendimento fondati sull’esperienza e sull’indagine, ponendo domande, problemi o scenari e brainstorming, piuttosto che presentando semplicemente fatti accertati con un agevole percorso di conoscenza.

(Meno test, più creatività: la ricetta di Sir Robinson per una Buona Scuola. – Corriere della Sera)

Non limitatevi ad insegnare ai vostri bambini a leggere. Insegnate loro a mettere in dubbio ciò che leggono.

George Carlin

(Our Inquiry-Based Classroom – Art Of Mathematics)

Il tutto per evitare la passività insegnante-studente.

(“Aula 3.0”, la classe flessibile del futuro – Education 2.0“)

Un’autonomia scolastica che porti ad una personalizzazione di studi e tempi sia dal punto di vista dell’orario scolastico sia delle materie e delle discipline di approfondimento; un’autonomia che sia in grado di concentrare la propria attenzione sulla creatività.

pasolini-min.jpg

L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.

La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.

Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.

La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.

Art. 33 – Costituzione della Repubblica Italiana 

Autonomia che le Nazioni dell’Europa Settentrionale, dalle quali dovremmo forse esserne studenti visti gli ultimi posti in classifica che godono nell’analfabetismo funzionale, possiedono da svariati anni tramite curriculum didattici nazionali e curriculum appartenenti a ciascuno istituto scolastico, scritti basandosi sulle indicazioni del curriculum nazionale.

Credo che il grande errore nelle scuole sia di cercare di insegnare ai bambini un po’ di tutto, e di usare la paura quale motivazione di base. Paura di essere bocciati, di non restare con la tua classe, etc. L’interesse invece può produrre conoscenza che in proporzione alla paura è una esplosione nucleare rispetto ad un petardo.

Stanley Kubrick

Autonomia scolastica supervisionata dalle autorità e dagli enti locali.

Per una scuola senza aule,

per una scuola personalizzata che sappia far emergere le creatività, nata dall’incontro tra sensibilità umanistica e genio scientifico, dei singoli studenti tramite una didattica cooperativa,

per un cocktail dantesco e montessoriano che premi l’autonomia, la fantasia, la creatività; un cocktail pronto per una rivoluzione ideologica decisa a formare futuri esseri umani liberi, indirizzandoli verso la virtute e canoscenza di Ulisse.

Educa i bambini e non sarà necessario punire gli uomini.

Pitagora

Per una scuola accessibile a tutti, soprattutto economicamente.

Per una scuola che resti aperta tutto il giorno, tutto l’anno, per tutta la vita.

Per una scuola che sappia educare alla bellezza anche perché parafrasando Fëdor Dostoevskij, solo la bellezza salverà il Mondo.

L’orizzonte è irraggiungibile.

E allora, a cosa serve l’utopia? A questo: serve per continuare a camminare

Eduardo Galeano

La scuola e l’aula del futuro secondo Intel Corporation, dove il metodo montessoriano, rappresentato dal motto “Aiutami a fare da solo”,si unisce al mondo della tecnologia con un piano di apprendimento individualizzato e personalizzato dove il studente adotta il criterio della Montessori e l’Inquire learning, con l’eventuale indirizzamento da parte dell’insegnante:

Se v’è per l’umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perché in lui si costruisce l’uomo.
Maria Montessori,educatrice italiana.

Ogni studente suona il suo strumento, non c’è niente da fare. La cosa difficile è conoscere bene i nostri musicisti e trovare l’armonia. Una buona classe non è un reggimento che marcia al passo, è un’orchestra che suona la stessa sinfonia. E se hai ereditato il piccolo triangolo che sa fare solo tin tin, o lo scacciapensieri che fa soltanto bloing bloing, la cosa importante è che lo facciano al momento giusto, il meglio possibile, che diventino un ottimo triangolo, un impeccabile scacciapensieri, e che siano fieri della qualità che il loro contributo conferisce all’insieme. Siccome il piacere dell’armonia li fa progredire tutti, alla fine anche il piccolo triangolo conoscerà la musica, forse non in maniera brillante come il primo violino, ma conoscerà la stessa musica. Il problema è che vogliono farci credere che nel mondo contino solo i primi violini.

Daniel Pennac 

F.COLOMBARI

Licenza Creative Commons

Articolo pubblicato con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Annunci

Un pensiero su “Metamorfosi scolasticamente kafkiana

  1. Pingback: Per un disarmo freddo | Frammenti di Utopia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...